Seleziona una pagina

di Vincenzo Pino

Si sa che il centro sinistra ha un problema di rappresentanza femminile alle prossime elezioni amministrative.

I nomi proposti e che si candidano per amministrare le cinque grandi città d’Italia sono tutti declinati al maschile.

Eppure ci sarebbero delle eccellenze che provengono da esperienze di amministrazione al femminile che meriterebbero di essere proposte e valorizzate.

Una di queste è senz’altro Isabella Conti, sindaca del comune di San Lazzaro nell’hinterland bolognese , proposta oggi da Renzi a “L’aria che tira”..

Magnifica espressione della transizione ecologica, si è opposta alla cementificazione del suolo di cui le cooperative erano fautrici.

Ha realizzato, prima e forse unica in Italia, gli asili nido comunali gratuiti per tutti.

Con questo percorso è stata rieletta nel 2019 con più dell’80% di consenso dei suoi concittadini.

Mentre nel 2014 era stata eletta solo, si fa per dire, dal 56%.

Le liste civiche che l’hanno sostenuta nel 2019 hanno totalizzato il 70% di consensi ed hanno prosciugato la destra, i cinque stelle rimasti rispettivamente con un misero 15 e 5%.

Con una candidata così il centro sinistra potrebbe vincere alle comunali di Bologna.

Ma forse il Pd preferisce lo schema dello scontro interno tra le correnti nello scegliere le candidature

Quello che ha fatto perdere le elezioni nella Marche dove si è preferito non candidare la bravissima sindaca di Ancona Valeria Mancinelli perchè non allineata.

Letta, tu così sensibile alla questione femminile e così impegnato per limitare l’incidenza del potere delle correnti nel Pd che ne dici?